The Daily Telegraph

Campo dell'Anzolo Rafael, Dorsoduro A quiet square, often empty, and happily overshadowed by the Chiesa dell'Angelo Raffaele with its two campanile, Baroque facades and paintings featuring lots of dogs (perhaps unexpectedly, Venice is a dog-friendly city). Sunday mass here …

Porceddu

Il porceddu è una delle più celebri ed apprezzate specialità della cucina pastorale sarda, e la sua preparazione è tradizionalmente un vero e proprio rito delle grandi occasioni.Per prepararlo è necessario disporre di uno spiedo girevole su fuoco e di un vero porcetto da …

Senza Glutine

Possibilità di avere un pranzo completo senza presenza di glutine. Pane, pasta ed anche dessert per chi non tollera il glutine.

© SEVI Srl - info@panevinoesandaniele.net - p.iva 03797540279 - credits

close italiano | english

Tiramisù

00/00

Il tiramisù è un dolce italiano di origini trevigiane. È un dessert al cucchiaio a base di savoiradi inzuppati nel caffè, mascarpone e uova.

La ricetta del tiramisù non è presente nei libri di cucina precedenti agli anni sessanta. Ciò consente di supporre che il tiramisù come lo si conosce ora sia una recente invenzione.Elemento ulteriore è la mancata identificazione del dolce nelle enciclopedie e dizionari degli anni Settanta e Ottanta dello scorso secolo.Il dizionario della lingua italiana Sabatini Coletti fa risalire la prima menzione del nome al 1980.

Giuseppe Maffioli (1925-1985) esperto enogastronomo nel 1981 nella rivista "Vin Veneto: rivista trimestrale di vino, grappa, gastronomia e varia umanità del Veneto" storicizza la creazione del dolce verso la fine degli anni 60 "poco più di due lustri or sono" localizzandolo presso il ristorante “Alle Beccherie” di Treviso ad opera di un cuoco pasticciere che aveva lavorato in Germania. Il nome del dolce in veneto “tiramesù” poi italianizzato in “tiramisù”, sarebbe stato adottato per le sue capacità nutrizionali e ristoratrici anche se altri affermano maliziosamente che il nome sia dovuto a presunti effetti afrodisiaci. Il Maffioli identificava il tiramisù tra i dolci al cucchiaio di stampo asburgico anche se, sostanzialmente, lo definiva come una variante della zuppa inglese. La sua diffusione è stata rapida sia nel Veneto che in tutta Italia.

Il cuoco pasticciere in una intervista afferma che la prima ricetta deriverebbe dallo “sbatudin” un composto di tuorlo d’uovo sbattuto con lo zucchero utilizzato comunemente dalle famiglie contadine come “ricostituente” a cui venne semplicemente aggiunto del mascarpone. Una ricetta del tiramisù si può trovare nel libro "I dolci del Veneto" di Giovanni Capnist del 1983 anche se il dolce non è indicato con il suo famoso nome.